AQUILEIA
Leonardo Trevisan

 Polesine terra da scoprire Padova città d'arte Territorio padovano e colli euganei
Tra Padova e Altino Altino Venezia fortificata e laguna sud

Il Sile  

  Verso il portogruarese e Caorle
Nel basso Friuli Aquileia Il litorale balneare della via Annia

leo@fondazionepremioaltino.it  

La progressiva espansione dei romani portò, nel 181 a.C., alla fondazione della colonia di Aquileia.
Nell'89 a.C. diviene municipium romano.

Sotto l’impero di Augusto (27 a.C. - 14 d.C.) Aquileia divenne capoluogo “caput” della X Regio Venetia et Histria, quartier  generale all’epoca delle lotte contro le genti transalpine e principale sviluppo economico e culturale della zona (anche grazie alla presenza di un porto fluviale e di un’importante rete stradale che collegava sia con il nord  che con l’oriente).


Aquileia. Sepolcreto

  LE UNDICI  
  REGIONI
  AUGUSTEE

  I       Latium et Campania
  II      Apulia et Calabria
  III     Bruttii et Lucanta
  IV    Samnium
  V     Picenum
  VI    Umbria
  VII   Etruria
  VIII  Aemilia
  IX     Liguria
  X     Venetia et Histria
  XI    Traspadana

 

Sotto l’impero di Diocleziano la città divenne sede del governatore della X regione e sede del comando della flotta dell’Alto Adriatico.

Dopo l’editto di Costantino (313 d.C.), il vescovo Teodoro fondò la prima chiesa e, successivamente Aquileia prenderà un ruolo fondamentale nell’evangelizzazione delle zone orientali e sede di un patriarcato tra i più importanti d’Italia.

Nei secoli non mancarono le invasioni, le riprese e i domini:
- 452 l’invasione degli Unni di Attila
- 568 la discesa dei Longobardi
- 811 la presenza dell’impero di Carlo Magno dando nuovo splendore all’antica sede patriarcale
- X secolo l’invasioni degli Ungari
- 1031 la riconsacrazione della basilica da parte del patriarca Poppone
- 1077 la nomina del patriarca di Aquileia a signore feudale
- 1420 il dominio della Serenissima
- 1509 l’occupazione austriaca
- 1751 la soppressione della diocesi
- 1797 l’invasione napoleonica e il passaggio sotto il dominio austriaco
- 1866 la nascita della provincia di Udine e l’annessione del Friuli al Regno d’Italia, mentre Aquileia resta austriaca
         fino al 1915.
Seguirono le Guerre mondiali e la nascita della Repubblica Italiana.
Oggi Aquileia è una splendida città d'arte dell’entroterra lagunare, piena di storia e cultura.
 

Per il visitatore

Zone archeologiche (foro romano del II sec., porto, case, sepolcreto). Museo Archeologico.

Museo Paleocristiano.

Basilica patriarcale fondata nel sec. IX su di un edificio paleocristiano, poi ampliata nel sec. XI dal patriarca Poppone.

Non può mancare una visita a Grado “l’isola del Sole” con la sua storia legata ad Aquileia.

 

 

 

 

 

 

 

Basilica di Aquileia. Mosaici: Personificazione dell'estate, aragosta, gallo e tartaruga, porfirioni, uccelli, scene iniziale della storia di Giona e il profeta Giona sotto la pergola.
Le foto sono di proprietà della Fondazione"Società per la conservazione della Basilica di Aquileia". Servizio Fotostudio Andrian - Fiumicello.
 

menù