LA MARCA TREVIGIANA

 

Leonardo Trevisan               

leo@fondazionepremioaltino.it  

Altino LAGUNA - PREALPI
 nei dintorni e lungo la Claudia Augusta

CLAUDIA AUGUSTA la via dei castelli

Il Sile   La Marca Trevigiana Piave e Prealpi

La Marca Trevigiana, che  collega la catena delle Prealpi con la laguna di Venezia, propone una notevole varietà di paesaggi e conserva splendidi reperti dell’età romana e memorie di storia veneta.

Tra le meraviglie della Marca Trevigiana prevalgono la bella e storica città di Treviso (antico Municipium romano “Tarvisium” collegato con quello di Altinum per mezzo di una strada che si staccava dalla Claudia Augusta nei pressi dell’attuale Quarto d’Altino percorrendo la sponda destra del Sile fino all’antica porta urbica trevigiana, denominata “Altilia” o “Altinia”), le stupende ville venete palladiane e settecentesche, le suggestive cittadelle murate e castelli e i capolavori di grandi artisti come Giorgione, Tiziano, Cima da Conegliano e Canova.

La Marca si evidenzia anche per le strade dei vini (quella del prosecco, dei vini del Piave, del Montello e dei colli Asolani), per il “radicchio rosso” di Treviso, per il radicchio “la rosa” di Castelfranco, per gli asparagi e per gli eccellenti formaggi.

 

 

 

TREVISO Da visitare

Treviso Città romana e medievale. Immersa in vari corsi d'acqua e definita dal Bonifaccio il giardino di Venezia. Ricca di storia, arte e cultura.

Opere del Tiziano del Pordenone, di Tommaso da Modena, di Antonio Martini e di Toni e Simon Benetton.

 


Castelfranco Veneto

Castelfranco Veneto
All'interno dell'antica cittadella murata, il Duomo settecentesco di F. M. Preti, opere e casa del Giorgione, eleganti palazzi e le torri che sovrastano le porte d'entrata
. Suggestiva la Piazza Mercato fuori della città murata.
 

 

 

 

 

Fanzolo
Villa Emo. Uno dei capolavori di A. Palladio nel trevigiano.
La villa è stata costruita intorno al 1560 per volontà di Leonardo Emo patrizio veneto, si presenta con un armonioso corpo centrale composto da una classica loggia, da un timpano con altorilievo (stemma della famiglia) di Alessandro Vittoria, da un'ampia gradinata e da lunghe barchesse ai lati. All'interno si trovano affreschi di Giovan Battista Zelotti.


Fanzolo

 

S. Vito di Altivole. Carlo Scarpa. Tomba monumentale Brion

 

 

Maser
Costruita come residenza di campagna nel 1560 circa per i fratelli veneziani Daniele e Marcantonio Barbaro.
In seguito passò a Lod. Manin ultimo doge di Venezia. La villa, considerata uno dei capolavori architettonici del Palladio, si presenta con un corpo centrale evidenziato da grandi colonne ioniche, da un timpano contenente lo stemma della famiglia Barbaro e da due ali a porticato che terminano con corpi aggregati. Completano un ninfeo addossato alla collina ed una cappella. Conosciuta anche per i bellissimi affreschi di Paolo Veronese e per gli stucchi e sculture di Alessandro Vittoria. 


Maser.  Villa Barbaro. 1986 Marco Tagliaro olio su tela

 

Asolo

Asolo
Ricca di storia, arte, natura e cultura. Amata e vissuta dalla Regina Caterina Cornaro, dall'attrice Eleonora Duse dall'espoloratrice Freya Stark, dal poeta Robert Browning e dal musicista G. F. Malipiero. Famosa per il suo qualficato artigianato (tessoria, ricamo e ceramica).

Centro storico. Le alte e massicce mura dell’antica Rocca dominano il bellissimo borgo, celebre rifugio di Caterina Cornaro.
Fontanella Zen. Nella via Browning, fiancheggiata da belle case gotiche e rinascimentali, una graziosa fontana cinquecentesca sormontata dal leone di S. Marco.
Casa longobarda. Interessante edificio rinascimentale costruito dall’architetto della Regina di Cipro, Francesco Graziolo.
Teatro Eleonora Duse. Conserva il ricordo dell’attrice che riposa nel cimitero di S. Anna. Visita al teatro storico di Asolo che fino al 1920 faceva parte del castello.

Possagno
Patria di Antonio Canova. Gipsoteca e Tempio canoviano.


Possagno

menù

sopra