AMORE MIO NON PIANGERE

Ricorda il duro lavoro delle mondine che passavano le giornate curve sotto il sole d’estate, con i piedi e le mani nell’acqua ed esposte alle punture delle zanzare. In questo canto, una mondina saluta il fidanzato conosciuto durante i duri mesi di lavoro in risaia e annuncia il suo ritorno a casa.

 
 

 Moderato 3/4 chiave di violino

a cura di Leonardo Trevisan
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Amore mio non piangere
se me ne vado via,
io lascio la risaia
ritorno a casa mia.

Amore mio non piangere
se me ne vò lontano,
ti scriverò da casa
per dirti che ti amo.

Non sarà più la capa
che sveglia alla mattina,
ma là nella casetta
mi sveglia la mia mamma.

Vedo laggiù tra gli alberi
la bianca mia casetta
vedo laggiù sull'uscio
la mamma che mi aspetta.

Mamma e papà non piangere
non sono più mondina,
son ritornata a casa
a far la signorina.

Mamma e papà non piangere
se sono consumata,
è stata la risaia
che mi ha rovinata.

   

> amore mio non piangere
>
aveva gli occhi neri
> bionda bella bionda
> come porti i capelli
> di qua di là del Piave
> era una notte che pioveva
> il cacciatore del bosco
> il fazzolettino
> la domenica andando alla messa
> la famegia del gobon
> la montanara
> la parona no vol che cantemo
> la strada del bosco
> la valsugana
> la villanella
> lo spazzacamino
> l'oselin de la comare
> mamma mia dammi cento lire
> me compare Giacometo
> me mario xe bon
> monte canino
> poenta e bacaeà
> quel mazzolin di fiori
> qui comando io
> sul cappello
> va l'alpin
>
vinassa vinassa

 

menù