VA L'ALPIN

Fa ricordare che la vita dell’alpin non č fatta di luoghi comuni ma solo di cime e montagne. Il testo evidenzia la nostalgia degli affetti familiari, le difficoltā da superare e il destino giornaliero dell’alpin.

 
 

 Andante 3/4 chiave di violino

a cura di Leonardo Trevisan
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Va l'alpin su l'alte cime
mai nessun lo puō fermar
dorme sempre sulle cime
sogna mamma e casolar.

Fra le rocce e tra i burroni
sempre lesto č il suo cammin
quando va per la montagna
pensa sempre al suo destin.

Pensa alpin al tuo destino
c'č un ghiacciaio da passar
mentre vai col cuore tranquillo
la valanga puō cascar.

Pensa alpin la tua casetta
che la rivedrai ancor
c'č una bimba che t'aspetta
orgogliosa del suo papā.
 

   

> amore mio non piangere
>
aveva gli occhi neri
> bionda bella bionda
> come porti i capelli
> di qua di lā del Piave
> era una notte che pioveva
> il cacciatore del bosco
> il fazzolettino
> la domenica andando alla messa
> la famegia del gobon
> la montanara
> la parona no vol che cantemo
> la strada del bosco
> la valsugana
> la villanella
> lo spazzacamino
> l'oselin de la comare
> mamma mia dammi cento lire
> me compare Giacometo
> me mario xe bon
> monte canino
> poenta e bacaeā
> quel mazzolin di fiori
> qui comando io
> sul cappello
> va l'alpin
>
vinassa vinassa

 

menų