MONTE CANINO

 Il canto racconta e documenta le sofferenze degli alpini ad alta quota durante la prima guerra mondiale tra lĺesercito italiano e quello austriaco.

 
 

 Lento 3/4 chiave di violino

a cura di Leonardo Trevisan
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Non ti ricordi quel mese d'aprile
quel lungo treno che andava al confine
che trasportava migliaia degli alpini
su su correte, Ŕ l'ora di partir.

Dopo tre giorni di strada ferrata
ed altri due di lungo cammino
siamo arrivati sul Monte Canino
e a ciel sereno ci tocca riposar.

Non pi¨ coperte, lenzuola, cuscini
non pi¨ l'ebrezza dei tuoi caldi baci
solo si sentono gli uccelli rapaci
e la tormenta e il rombo del cannon.

Se avete fame guardate lontano
se avete sete la tazza alla mano
se avete sete la tazza alla mano
che ci rinfresca la neve ci sarÓ.
 

   

> amore mio non piangere
>
aveva gli occhi neri
> bionda bella bionda
> come porti i capelli
> di qua di lÓ del Piave
> era una notte che pioveva
> il cacciatore del bosco
> il fazzolettino
> la domenica andando alla messa
> la famegia del gobon
> la montanara
> la parona no vol che cantemo
> la strada del bosco
> la valsugana
> la villanella
> lo spazzacamino
> l'oselin de la comare
> mamma mia dammi cento lire
> me compare Giacometo
> me mario xe bon
> monte canino
> poenta e bacaeÓ
> quel mazzolin di fiori
> qui comando io
> sul cappello
> va l'alpin
>
vinassa vinassa

 

men¨