LEONARDO TREVISAN

FISARMONICA
 le tastiere

il canto popolare

raccolta di canti popolari

la fisarmonica

l'ascolto terapeutico per anziani
     

LA TASTIERA SINISTRA (bottoniera con riferimento alla nota di DO)
 

La tastiera dell’accompagnamento si divide in due parti:

1. Note sciolte. Bassi fondamentali e Contrabbassi  (seconda e prima fila a partire dal
                      mantice).

2. Accordi. Accordo Maggiore, minore, settima e diminuita (dalla terza alla sesta fila).


NOTE SCIOLTE

Le note della seconda e prima fila corrispondono alle 12 note formanti la scala cromatica ma disposte diversamente  per facilitarne l’esecuzione.

Scala cromatica ascendente sul Pentagramma Betba.

 

 Scala cromatica discendente. 

 

Ogni suono premuto, sia esso naturale o alterato, della fila dei bassi o dei contrabbassi corrisponde contemporaneamente a più tasti.

Così il Do evidenziato della seconda fila sarà lo stesso Si# (suono omologo inferiore) e il Do che si trovano sulla prima fila. 

Pertanto la scelta nel premere di una di queste note (stessa altezza sonora in Hz) è subordinata alla

facilità d’esecuzione.

Gruppi di note della stessa altezza sonora.

                                                                                                  

                                                                                               

                                                                                            
 
I bassi, i contrabbassi e gli accordi procedono sia in senso ascendente che discendente, con

progressione di quinte, come richiesto dalla regola che stabilisce le tonalità.

Il punto di partenza o di riferimento è il DO centrale (bottone evidenziato) collocato nella seconda fila.

Ascendendo abbiamo una progressione come nelle tonalità dei Diesis e cioè:
DO  SOL  RE  LA  MI  SI  FA#   SOL#  RE#  LA#.

Discendendo le tonalità dei bemolli:DO  FA  SIb  MIb  LAb  REb  SOLb  FAb  SIbb.          

 

ACCORDI

Gli accordi prendono il nome dal basso fondamentale a fianco del quale si trovano e vengono indicati nel seguente modo:
M accordo Maggiore, m accordo minore,
7   accordo di settima, d o dim accordo di diminuita.                        


LA SCRITTURA DEI BASSI, DEI CONTRABBASSI E DEGLI ACCORDI SUL PENTAGRAMMA BETBA.

Il pentagramma Betba è composto da due gruppi di linee colorate per fissare sulla carta l'altezza sonora in Hz in un'unica chiave musicale: chiave di SOL (VIOLINO).

Il pentagramma nero, con relativi frammenti di linea, racchiude la gamma sonora che va dal DO di 261,6 Hz al MI di 2637 Hz

mentre il pentagramma rosso, con relativi frammenti di linea, racchiude la gamma sonora inferiore che va  dal SI di 246,9 Hz al Do

di 65,4 Hz.

Questo nuovo procedimento porta l'interprete ad eseguire brani musicali senza ricorrere alla lettura in chiave di FA (basso).

Le note dei bassi, che comprendono i 12 suoni della scala cromatica, vanno scritte sul pentagramma rosso con estensione dal DO sotto il pentagramma al SI terzo spazio.

 

                   

Qualora i bassi debbano essere scritti in una estensione superiore verranno preceduti dalle lettere B.S. (Bassi soli).

 

 

 

 Le note dei Contrabbassi si scrivono nella stessa estensione dei bassi e, per distinguerli va aggiunto sotto la nota una lineetta.
In rapporto ai bassi i contrabbassi si trovano alla distanza di terza maggiore superiore e sono disposti nella stessa linea diagonale.

  





                                                                         

Gli accordi prendono il nome dal basso fondamentale e vanno scritti nella seguente estensione con solo una nota col gambo in giù.

 

Per la fisarmonica gli accordi vengono indicati nel seguente modo: M accordo Maggiore, m accordo minore, 7 accordo di settima e d o dim  accordo di diminuita. Ogni bottone produce contemporaneamente 3 o 4 suoni a seconda della specie dell’accordo.

 

LA TASTIERA DESTRA

sistema cromatico e pianoforte

Fisarmonica
cromatica con
tre file nella
mano destra.

Fisarmonica cromatica
con cinque  file nella mano destra.
Le note della 4 e 5 fila sono
uguali a quelle della 2 e 3 fila.

 Fisarmonica a
pianoforte.