la

poesia popolare

 

Eusebio Vivian

 

COINE E CONTRA' MIE CARE

L'UIVARO

ALPINIT

TRODI

LUJO DE ON ANO CHE NO SO

PESSE DE APRIE

FEBRARO FEBRARTO

VITA E NOTE, DE MAJIA

A FI

AMICISSIA CHE SE SMISSIA

SAR DE PAN

 


 

ALPINIT
 

Sensa sar i parch

curioso, de anda tra i partijani

son cresso

a l'onbra dei alpini

bocia

sensa mai deventar "Bocia";

e go sentio e sento

i passi inquadrai dessora al ponte

-le pene nere al vento-

i canti e le fanfare

-48; 68 e ancora 2008-

e go visto e vedo

l'inpegno "fecondo" a tutofare

quel che serve

par sta nostra Umanit

in sta nostra tera

insup de sangue

indove strade e montagne

sa tute le storie

e ogni d de vita

dimanda signi de pace.

Intanto cuss

a ogni fato bo

ride i fiuri del pr

e s alto tra i crcpassi

na stea alpina sbocia.
 

T vardo pena nera, come incant

e drente al soco vecio del me cor,

-jera ora-

aah, me sento deventar "Bocia".
 

TRODI
 

L'orno

ga perso el trodo del bosco,

queo che mena verso cesa

e a la fontana,

el girovai traverso i prai

so'e rivete l in postiera

Tra le orbasse a fio de'a marsiera

parsora i sassi fru

e soto on vo de foje sensa fi

vedo e pche antiche

scolto le fadighe,

sento e cicoe, le orassion e l'agria

che l'aria del me tenpo

ga trato via.
 

Come on Cristo

in coste a on maronaro alto

morto a brassi verti,

l'anima incio,

vardo lontan lontan

indrio e vanti a mi;

cuss par man

a palpo squasi

indovino i trodi nuvi - antichi -

e passo dopo passo

drio le pche - el sogno -

fin soto

al balcon de Casa.

ASCOLTO DELLA POESIA

ASCOLTO DELLA POESIA

         

< indice autori                  < home

  Fondazione Premio Altino  leo@fondazionepremioaltino.it