a
A


 
  SALA 8  
a
a

SALA 1

Ilia Da Lozzo

SALA 2

Ilia Da Lozzo

SALA 3

Laura Guerrini

SALA 4

Laura Guerrini

SALA 5

Luigi Francesco Di Cesare

SALA 6

Luigi Francesco Di Cesare

SALA 7

Armando Felpati

SALA 8

Armando Felpati

SALA 9

Meri Trevenzoli

SALA 10

Meri Trevenzoli

SALA 11

Chiara Trevisan

SALA 12

Chiara Trevisan

SALA 13

Gildo

SALA 14

Gildo

SALA 15

Sara Callegaro

SALA 16

Sara Callegaro

SALA 17

Silvano Rugger

SALA 18

Silvano Rugger

SALA 19

Leonardo Trevisan

SALA 20

Leonardo Trevisan

 

 INDICE                  HOME

Armando Felpati


Paola Ranzato    
Armando  Felpati   ha un tratto  e  un’ iconografia  che  di  fatto  è  assolutamente unica,  lo potete vedere anche  voi  sia  nell’ uso  del  colore, ma  soprattutto sia nella  parte  dell’ uso pittorico  ma  anche grafico  contemporaneamente  e  i  suoi  sono  quadri  che  raccontano un  universo,   raccontano,  ho  visto  anche  altre  volte   che  ho  avuto  modo  di vedere  i  suoi  quadri,   un  cosmo   che   possiamo   poi   definire  pittorico,   cioè   un  qualcosa che rappresenta un universo siderale  che però  non riusciamo a collocare e riconoscere.
Quello che a me ha sempre portato a vedere le sue opere è il vedere passare queste linee attraverso questi spazi,  queste  linee  che  possono portare armonia,  ma possono portare anche  a  raccontare  energia,   energia  che  resta  sopita,  energia che  esplode,  energia  anche  di  una  forza  che  non  è  contenuta   e   non  si  riesce  a   contenere,   ma   sono comunque quadri che raccontano veramente forti emozioni.         
Vi invito poi a fermarvi e ad osservarli perché l’uso che  c’ è,   e  non  a caso come avviene sempre nel caso di un artista come nel poeta sceglie di mettere la parola in un determinato posto, l’artista sceglie il colore,  sceglie la  pennellata,   sceglie  il  tema   per  dire qualcosa e portare qualcosa di preciso.        
Le  opere  di  Felpati  hanno  un  impatto  forte,   sia   dal   punto  di  vista   del  tratto,   ma anche il colore gioca qualcosa d’importante, sono colori freddi, sono colori che colpiscono, perché sono qualcosa  che   va  all’ aldilà  di  quello  che  ci  immaginiamo di  fronte ad un racconto  di  un  paesaggio,  ma  proprio per  questo  lasciano  per chi si ferma davanti  la  possibilità  di  vedere, di  portare  dentro di se un’emozione anche personale oltre a quella  dell’artista stesso.

 Rosso di terra                                                                                  Alzando la visione        L'origine di un pensiero         Rinascita                        Torre libertàa
        felpati@felpati.it
a